Farnesina, assistenza ai turisti italiani in Egitto

I  voli in partenza per Sharm El Sheik sono vuoti. La città infatti è blindata dai carri armati e dove forse si è rifugiato Mubarak. Gli arrivi invece sono sempre pieni e si hanno numerose testimonianze di turisti italiani che hanno raccontato la situazione in Egitto.
Ieri tre aerei charter diretti verso il Mar Rosso sono decollati senza passeggeri. I tour operator hanno i viaggi verso l’Egitto.Tra coloro che avevano pianificato un viaggio si consiglia di cambiare destinazione o chiedere il rimborso.
Intanto la Farnesina ha continuato ininterrottamente a seguire lo sviluppo degli eventi in Egitto, attraverso l’Unità di Crisi, l’Ambasciata d’Italia al Cairo e le Agenzie consolari nel Paese, per garantire – in una cornice di non ancora sopita tensione e caratterizzata da diffusi disordini e saccheggi – una quanto più efficace azione a tutela dei connazionali, residenti e turisti, e degli interessi italiani in loco.

Ribadisce inolte ai residenti di restare nelle proprie abitazioni ed ai turisti che ancora si trovano nelle grandi città di non uscire dagli alberghi se non per recarsi in aeroporto per lasciare l’Egitto. “Un punto di contatto dell’Ambasciata – fa sapere la Farnesina – è operativo presso l’aeroporto del Cairo in corrispondenza dei voli Alitalia.
“Pur in un contesto dove le comunicazioni restano problematiche, gli italiani che si trovano ancora nel Paese sono sensibilizzati attraverso ogni mezzo disponibile (sms, mail, contatti telefonici, piattaforme facebook/twitter, responsabili sicurezza aziende).
“I responsabili degli Uffici Consolari in tutto il Paese sono stati in particolare istruiti a fungere – senza soluzione di continuità- da punto di contatto con gruppi di turisti nelle rispettive circoscrizioni che dovessero incontrare difficoltà a lasciare il luogo di attuale permanenza e a segnalare tempestivamente eventuali criticità all’Ambasciata al Cairo e all’ Unità di Crisi della Farnesina.

Il sito ViaggiareSicuri della Farnesina continua ad essere aggiornato in tempo reale per fare stato delle condizioni di sicurezza e dell’operatività dei voli, in linea con le indicazioni fornite anche dagli altri portali di travel advice dei principali Partners europei, con le cui Cellule di gestione crisi si resta in costante coordinamento, anche per pianificare eventuali iniziative comuni. Restano sconsigliati – insiste la Farnesina – viaggi che non rivestono carattere di assoluta urgenza per tutto l’Egitto. Un coordinamento degli Ambasciatori dei Paesi dell’Unione Europea si è attivato per ottenere dalle Autorità egiziane protezione adeguata sia delle sedi diplomatiche che dei propri cittadini residenti o di passaggio.
La Sala Operativa dell’Unità di Crisi, in coordinamento con l’Ambasciata al Cairo, continua a riscontrare tutte le segnalazioni di connazionali in situazioni di particolare pericolo. L’Unità di Crisi si mantiene inoltre in contatto diretto con compagnie aeree e principali associazioni di categoria del settore turistico, anche per contribuire a favorire un più rapido deflusso dalle principali località di soggiorno e con i responsabili della sicurezza di molte imprese italiane in Egitto, alcune delle quali già da ieri organizzano rimpatri di personale non essenziale.

Fabio Chiarini