Liechtenstein, "SI" alle coppie gay

Anche il  Liechtenstein  ha detto “SI” i matrimoni gay. I cittadini hanno approvato o l’unione registrata di coppie omosessuali con il 68,8% di “sì” e una partecipazione del 74,2%.
La relativa legge esclude però l’adozione e vieta il ricorso alla fecondazione assistita; concede invece ai due partner gli stessi diritti del matrimonio in materia fiscale, di eredità, assicurazioni sociali, previdenza professionale e naturalizzazione.
Contro questa norma era stato lanciato un referendum e gli oppositori contestavano la credibilità e la rappresentatività del Parlamento, che invece l’ aveva adottata all’unanimità a marzo.
La legge era stata già proposta 3 anni fa,quando il parlamento aveva già rimesso al governo la mozione per il riconoscimento delle coppie omosessuali,ma  l’arcivescovo di Vaduz Wolfgang Haas dichiarò la sua contrarietà sostenendo che la pratica dell’omosessualità costituirebbe oggettivamente un grave peccato e che l’eventuale riconoscimento giuridico delle coppie dello stesso sesso sarebbe uno scandalo. 
In questo piccolo paesino il Governo se n’è infischiato dei pareri della Chiesa…e in Italia??

Fabio Chiarini