Fittja Bazar, Turkish style a Stoccolma

Facciamo colazione  con uova e toast e marmellata e accompagno il mio amico in un negozio per comprare alcune cose per la casa.

Mi aveva già accennato ieri sera che aveva bisogno di comprare delle   lampade. Andiamo in un negozio chiamato FITTJA BAZAR dove vendono mobili, lampade accessori per la casa in stile turco- arabo, molto stile di Fredrick e poco il mio, infatti nonostante abbia un appartamento moderno, nel salone sfoggia due quadri di teste egiziane e un sofà stile anni ’20 che a dire il vero stona con il candido e moderno insieme della casa. Quando mi fa vedere entusiasta certe lampade o letti a baldacchino lo guardo schifato. Punta gli occhi su una lampada orribile, alta quasi quanto me, con il manico fatto con palle di cristallo e il con il cappello con la pelle di camoscio. Controlla il prezzo: 300 euro! Se lo dovessi comprare io, loro mi dovrebbero dare i soldi!

Lui controlla l’altezza e con delusione mi dice: “Oh no, è troppo alto per la mia macchina!

Io ESULTO! Mi imbruttisce, ma sinceramente non è un fattore di gusto retrò, qui stiamo parlando del gusto dell’ORRIDO!

Decide di prendere 3 abat-jour con il corpo simile ad un vaso greco color bronzo e il cappello che dal su grigio, che si intona alle tende. Un minimo di abbinamento! Mentre usciamo dal bazar mi prega di non dire a nessuno che abbiamo comprato qualcosa in questo negozio, i suoi amici pensano che c’è solo spazzatura. Chissà perché sono pienamente d’accordo con i suoi amici!

Alle 15.00 siamo stati invitati al compleanno di sua sorella, così facciamo uno spuntino da Max, un fast food svedese, dove gli hamburger sono prettamente scandinavi. Fredrick mi confessa che odia i fast food americani come Mc Donald o Burger King e preferisce anche a livello di qualità Max. Effettivamente la salsa è ottima sembra salsa rosa e gli hamburger sono  sofficissimi, al contrario di quelli del Mc Donald che sembrano cartone. Prima di andare dalla sorella, Maria , Fredrick passa da Media Market, dove ha lo stesso logo del nostro Media world, credo che sia lo stesso franchising, però anche il fatto che sia in un certo qual modo tradotto, mi fa capire quanto in Italia siamo impersonali. O forse pensiamo che se il nome rimane in inglese può far tendenza. Fredrick acquista una pen driver di 64 gb, praticamente quanto il mio hard disk esterno! E’ il regalo per la sorella, ci mette la sua musica preferita!Però sti svedesi, ne sanno una più del diavolo! Inoltre come un perfetto galantuomo acquista un mazzo di fiori.

Fabio Chiarini

2 Comments Add yours

  1. lampadine led scrive:

    grazie per aver condiviso la tua esperienza personale attraverso questo post

    1. Fabio Chiarini scrive:

      Ciao Silvia (penso che sia questo il tuo nome) figurati, spero che le mie altre esperienze ti siano piaciute;)
      Un abbraccio
      Fabio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...