Panico al supermercato

Frase da ricordare: “Var är Toeletten?”

Verso le 18.30 salutiamo tutti, poiché alle 21.00 Fredrick ha invitato degli amici a bere qualcosa prima di andare a ballare, una pre-party!

Prima di tornare a casa passiamo al supermercato per comprare alcuni snack per il pre-party e alla ricerca di una bevanda che non sia alcolica e che non sia gasata…mission impossible! Io gli ho proposto dell’acqua naturale e sinceramente  vagando tra gli scaffali, sta considerando seriamente il mio consiglio. Ad un certo punto incomincio ad avere dei forti crampi allo stomaco. Fredrick mi parla, ma non riesco a sentirlo per il dolore. All’inizio non se ne accorge, è concentrato nel trovare una bevanda che sia ipocalorica, visto che il suo amico ha da poco iniziato una dieta per la vacanza a Barcellona e non vuole sgarrare proprio agli inizi. All’improvviso vedo tutto nero, chiedo al mio amico come si dice: “Dov’è il bagno?”

-Var är Toeletten…Why?” non finisce di finire la frase che io sono già sparito! Sento in lontananza la sua risata fragorosa. Ma che se ride, me la sto facendo sotto!  Chiedo alla cassiera dov’è il bagno con la stessa enfasi di rapinatore che vuole i soldi. Infatti all’inizio è spaventata – Downstairs!-  quando capisce la situazione si mette a ridere anche lei, maledetta! Scendo le scale mobili, ma vedo solo negozi chiusi ..e dall’altro lato l’uscita… PANICO!! E se la facessi nel parcheggio? Oddio ci stanno i bambini, che situazione imbarazzante. Risalgo e chiedo alla primo passante e lui mi alza il dito e mi fa accorgere la segnaletica del bagno. Arrivo finalmente e mi preparo a “mummificare” con la carta igienica la tazza, quando vedo che è immacolata, pulitissima, forse più pulita del bagno di casa, BENEDETTI SVEDESI!

Quando esco Fredrick mi aspetta con la busta della spesa e non riesce a guardarmi senza ridere, mi chiede sogghignando se sto bene, incamminandoci verso la macchina e io  gli rispondo:

–  Si si, ma  cammina più piano!- Inevitabile ridere,  ora che è passato tutto anche per me risulta essere buffo.

-Una nuova frase: Jag har fött twø tvyllingan” incuriosito gli chiedo cosa significhi :”Ho sfornato due gemelli!” la simpatia degli svedesi è come la sabbia in mezzo alle mutande!

Quando arrivo in macchina mi accovaccio per prendere la borsa ….e mi accorgo che la borsa non c’è! Fredrick chiama Maria per chiedergli se per caso l’ho dimenticata lì:

-E’ una Lacoste Nera? – le chiede Maria, controllando l’entrata dove avevamo lasciato le giacche e le scarpe. Complimenti Fabio!

All’andata ci abbiamo messo mezz’ora con il navigatore, decidiamo che non serve attivarlo, visto che abbiamo fatto già quella strada qualche ora .

Le ultime parole famose, probabilmente abbiamo preso la strada decisamente più lunga, dopo un’ora accendiamo la lampadina e scriviamo l’indirizzo sul navigatore. Il navigatore non parla, non dice di andare a destra o a sinistra quindi abbiamo parecchia strada da fare, andiamo bene! Dopo un’ora arriviamo finalmente a casa di Maria, che ci chiede che fine avessimo fatto. Stasera dopo il drink andiamo in un locale vicino a Slussen, al centro di Stoccolma.

Have Fun!

Fabio Chiarini

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...