Alla scoperta dei tesori finlandesi parte II: Stockmann e Marimekko!

Mi godo ancora quella sublime visione, quei biscotti farciti di cioccolato e panna, diversi tipi di torte con ghirigori impeccabili; di fronte a quei frigoriferi sembro il lupo Ezechiele che guarda famelico i tre porcellini!! Solo a guardare quell’orda di cioccolatini messi in fila sono ingrassato di 10 chili!

Lascio a malincuore quel posto, e sventolo il tovagliolo che conteneva i cioccolatini come se dicessi addio al mio amore. Fredrick mi porta da Stockmann, un grande centro commerciale simile  alle Gallerie La Fayette. Oramai Fredrick ha capito che se mi vuole lasciare un posto come una cioccolateria, l’unica cosa che può sollevarmi è lo shopping! Che non posso farlo poi è un altro conto!

Il centro commerciale è stato fondato nel 1862 dal tedesco Gustav Stockmann, Stockmann ed oltre ad Helsinki si trova anche nelle maggiori città finlandesi, da Oulu a Turku, e all’interno di centri commerciali come il Jumbo a Vantaa. Stockmann e negli altri paesi baltici in  Lettonia, Estonia e Russia.

Stockmann non è solo un luogo per gli acquisti, ma è il marchio finlandese per eccellenza. I suoi prodotti sono tutti più cari della media ma, appunto, di classe e pregevole fattura.

Si trova nel cuore di Helsinki ed è stato completato nel 1930. Attualmente è il grande magazzino più ampio dei Paesi Nordici. Il logo di Stockmann rappresenta l’acquirente che percorre le scale mobili, poste come a sagoma della lettera “S”, dal momento che le scale mobili di Stockmann furono le prime in Finlandia.

Situato all’incrocio tra Mannerheimintie e Aleksanterinkatu, Stockmann è un edificio imponente, con i suoi sette piani di reparti di articoli di classe e bar, tra cui gli immancabili marchi nazionali Marimekko, Iittala e Arabia.

Ḗ inoltre dotato di un tunnel sotterraneo, che lo collega all’edificio Kirjatalo (progettato da Alvar Aalto), dove si trova Akateeminen Kirjakauppala più grande libreria della Finlandia. Dalla parte opposta, il tunnel collega Stockmann al centro commerciale Forum.

Stockmann è sicuramente una delle mete preferite dei turisti. Infatti il quinto piano è dedicato ai souvenir, tra cui cappelli finlandesi, bandiere, renne, e libri che parlano della Finlandia.

Saliamo  al terzo piano,è il piano per le cose per la casa, dove si trova Marimekko,  una marca famosissima proveniente dalla Finlandia. Markus, l’amico che ho incontrato alla cena. Ha in pratica la casa firmata “Marimekko” e nemmeno a dire che sia economica! Lo stile è floreale, un bianco armonioso con forme simmetriche. Il marchio produce anche abiti per donna.

L’azienda finlandese è stata fondata nel 1951 da Viljo e Armi Ratia e ha avuto il suo apice negli anni ‘60 e ’70, grazie ai colori vivaci e stili semplici.

Dopoil progetto di fabbrica di tela cerata il primo non è riuscito ed è stato convertito in un impianto di indumento. Armi chiese ad alcuni amici artisti di applicare le loro grafiche al tessile. Al fine di mostrare come il tessuto può essere utilizzato, la società ha poi progettato e venduto una linea di abiti semplici e dopo rapida individuazione della moda come arte industriale e Marimekko grazie allo stilista Timo Sarpaneva che presentò il marchio in una sfilata alla Triennale 1957 a Milano. I capi sono stati poi esposti alla Rinascente  sotto il  negozio di Giorgio Armani. Fu così che Marimekko divenne la marca leader finlandese.

Dopo l’Italia, Marimekko è stato introdotto negli Stati Uniti da parte dell’architetto Benjamin C. Thompson. Jacqueline Kennedy, acquistò otto abiti Marimekko che avrebbe indossato durante la campagna presidenziale degli Stati Uniti  nel 1960.

Attualmente ci sono negozi situati a New York, Cambridge, Massachusetts, Oxford, Mississippi, Miami, Florida, Vancouver, British Columbia in America. Nel settembre del 2011 ci sono stati 84 negozi in tutto il mondo. Nonostante il suo aspetto costoso, per i finlandesi è un must e ce l’hanno tutti a casa, seguito dalla marca IITTALA, che offre soprattutto cristalli, bicchieri in stile vetro di Murano, anche questo per nulla economico!

Fondata nel 1881 da uno svedese di nome Petrus Magnus Abrahamsson. A causa della mancanza della Finlandia di vetrai qualificati, la forza lavoro originale è in Svezia.

I prodotti di nota sono vaso di Alvar Aalto, che si dice imitare la costa finlandese. Aino Aalto ha impostato la barra di vetro moderna con la sua esclusiva linea di bichhieri, che sono ancora oggi in produzione. Altri artisti hanno fatto parte di Iittala, introducendo le proprie visioni uniche per l’estetica del vetro scandinavo. Tapio Wirkkala, Timo Sarpaneva, e Oiva Toikka erano tutti una parte di fare iittala, uno degli apripista nel mondo del design moderno.

Oggi iittala continua a creare oggetti di vetro che è attraente come  funzionale. Il suo marchio comprende una vasta gamma di oggetti di vetro, stoviglie e opere d’arte che continuano a spingere i confini in nome di ingegno. Secondo me  i finlandesi o so ricchi sfondati o sono con le mani bucate!

Fabio Chiarini